Syfer logo

Il sostenibile va di moda!

IL TREND CHE NON FA MALE AL PIANETA?
Il sostenibile va di moda!

In Italia, uno degli indotti più importanti in termine di occupazione, prestigio e valore, è certamente rappresentato dal settore fashion. 

 

Eccellenza nel mondo, con oltre 58 mila imprese attive, ha dovuto, come tutti gli altri settori fare i conti con la pandemia di Covid-19 che ne ha letteralmente stravolto le abitudini.

 

Stili di vita diversi e la presa di coscienza del concetto di sostenibilità del cliente, ha portato produttori ed aziende a prestare più attenzione alla produzione delle materie prime, favorendo la tutela delle risorse naturali. 

 

La necessità di approfondire il significato di sostenibilità è prioritario, con un occhio particolare alle generazioni future in modo che il rapporto tra ambiente e sviluppo sostenibile possa essere, entro il 2050, solido, senza compromettere però la capacità produttiva delle aziende.

 

Bisogna quindi invertire la rotta anche in termini di sostenibilità sociale.

L'industria tessile è attualmente responsabile del 10% delle emissioni Co2 e del 20% di spreco d’acqua, per non parlare degli abiti che finiscono in discarica o ancor peggio degli scarti che finiscono nei oceani.

 

Soddisfare i bisogni ed instaurare una relazione più profonda con i consumatori, è una sfida complessa che chiama in causa l’intero sistema della moda, ma soprattutto deve essere un’occasione di rilancio dopo la difficile esperienza pandemica.